Uno sguardo al mercato piloti della Motogp: top driver e team minori

La stagione di Motogp è entrata nel vivo con una corsa al titolo appassionante come poche volte si è visto negli ultimi anni, con 4 piloti in pochissimi punti e un quinto, Dani Pedrosa, leggermente più staccato, ma ancora in grado di rientrare in corsa.

Mentre la battaglia per la vittoria finale si infiamma, tiene banco anche il mercato dei piloti Motogp per il 2018 e i team per il prossimo anno cominciano a definirsi.

I top driver non cambieranno, o forse si?

Honda HRC Repsol continuerà sicuramente con Marquez e Pedrosa anche il prossimo anno. Ma il futuro del secondo appare tuttavia meno scontato: Pedrosa infatti si sta rendendo protagonista di una stagione finalmente di livello e potrebbe chiedere di cambiare aria per poter provare a prendersi quel titolo che nella classe regina gli è sempre sfuggito. Tuttavia questi sono discorsi che riguarderanno probabilmente la Motogp 2019.

Anche in Yamaha Movistar le cose per il 2018 sono state già ampiamente pianificate: Vinales e Rossi faranno infatti coppia anche nella prossima stagione di Motogp, con Valentino che dovrà decidere se la prossima sarà la sua ultima stagione da centauro del motomondiale. Ducati Factory anche nel 2018 dovrebbe correre con Dovizioso e Lorenzo: il condizionale riguarda il pilota iberico, che alcune voci danno così scontento della moto da pensare ad un clamoroso divorzio prima della scadenza del contratto, fissata per il 2019.

Secondo alcuni rumors Lorenzo potrebbe decidere di andare in Suzuki, ma al momento si tratta di fantamercato. Chi invece potrebbe cambiare aria è proprio Andrea Iannone: il pilota di Vasto sta decisamente deludendo con la Suzuki e appare sempre più probabile un suo addio a fine stagione, anche se la Suzuki, vista l’assenza di alternative all’altezza, potrebbe alla fine decidere di concedere al pilota una seconda possibilità, così come a Alex Rins.

I movimenti nei team minori

Chi nel 2018 cambierà è l’Aprilia Factory, che si trova in questa annata di Motogp a vivere una situazione complessa. Da un lato c’è un Aleix Espargaro che sta facendo decisamente bene, mentre dall’altro c’è un Sam Lowes che è la vera delusione dell’anno.

Il pilota, che aveva ottenuto un contratto con Aprilia quando ancora correva in Moto2, sta correndo decisamente al di sotto di quelle che erano le attese e il “taglio” per il 2018 sembra cosa ormai decisa dalle parti di Noale. Per sostituirlo il primo nome in cima alla lista è quello di Alvaro Bautista, uno che l’Aprilia e tutto il suo mondo li conosce decisamente bene. In KTM si guarda invece al futuro ed è probabile che nel 2018 al posto di Pol Espargaro e Smith si punti su altri piloti.

Secondo alcune indiscrezioni la casa austriaca avrebbe pensato ad Andrea Iannone, anche se il calvario che sta vivendo in sella alla Suzuki non induce certamente all’ottimismo. Appare quindi decisamente più probabile che i vertici della KTM decidano di puntare su due giovani promesse che in Moto2 stanno facendo decisamente bene e che sembrano pronti al salto in Motogp, ovvero Binder e Oliviera.

Certamente è ancora presto per parlarne, visto che manca ancora metà stagione dell’attuale Motogp, ma probabilmente già nelle prossime settimane se ne saprà di più.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *