Alla fine la Germania potrebbe vincere la sua battaglia contro il Qe

Non è un mistero che la Germania sia contraria da tempo alla strategia della BCE rispetto all’acquisto di Titoli di stato, il cosiddetto Qe.  La BCE a fine dello scorso anno ha confermato questo tipo di manovra finanziaria per dare il massimo di spinta possibile alla ripartenza dell’economia Europea ma il Qe favorisce soprattutto le Nazioni in difficoltà economica mentre rappresenta un notevole peso per le economie in ripresa, tra cui la Germania.

A fronte di un aumento dell’inflazione, la Germania ha segnato un +1,7 nel 2016, il blocco dei tassi di interesse da parte della BCE significa una perdita per i risparmiatori tedeschi che non vedono rendimenti dai loro investimenti a fronte di un aumento dei prezzi. Per questo alcuni giorni fa il Ministro delle finanze Schauble ha nuovamente richiesto alla BCE la fine del Qe che la banca centrale ha prorogato fino al 31 dicembre 2017, sebbene in entità ridotta.

Oggi si registra la dichiarazione di un membro del direttivo della BCE, Ewald Novothy che ritiene possibile rimettere in discussione il Qe entro l’estate. Intanto l’inflazione tendenziale tedesca è ora al +1,9%.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *